Itama Firenze, grazie al suo team di specialisti, propone tatuaggi semipermanenti per il viso. Con i tatuaggi semipermanenti si definiscono i tratti del viso, mantenendo un aspetto naturale senza che gli altri se ne accorgano.

Trucco permanente Occhi

Per accentuare la profondità dell’occhio, per correggere una linea non omogenea o decadente, per alzare l’arcata o per rendere più sottile la zona infracciliare superiore o inferiore.

Trucco permanente Labbra

Delinea una nuova forma delle labbra ridandole corpo e struttura tipica dell’età giovanile, per dare un nuovo e maggiore volume, correggere un’asimmetria tra il labbro superiore e inferiore.

Trucco permanente Sopracciglia

Viene utilizzato per disegnare e ridisegnare l’arcata nel modo più naturale possibile cercando di correggere eventuali inestetismi o piccoli difetti come arcate sottili, irregolari o inesistenti.

Tatuaggi semipermanenti a Firenze

Come si fa un tatuaggio trucco permanente? La seduta di trucco permanente ha una durata complessiva di circa 2 ore e si divide in 3 fasi molto importanti per l’esecuzione di un lavoro al limite della perfezione che sono la fase di progettazione, del tracciamento delle linee di riferimento, e quella della realizzazione finale.

Progettazione

Studio accurato da parte del professionista della conformazione del viso e dell’inestetismo da correggere. Si passa poi a disegnare a matita o con un feltrino sterile il sopracciglio, la bocca, gli occhi con la forma che si vuole realizzare con il colore più simile rispetto all’incarnato o della zona da trattare creando una colorazione ad hoc specifica e altamente personalizzata, a questo punto la cliente può rendersi conto guardandosi attentamente allo specchio quale potrebbe essere il risultato finale e dare l’approvazione finale o eventualmente fornire e suggerire correzioni da apportare al lavoro. Una volta accordati su forme e colori, il professionista passa alla seconda fase con l’esecuzione del trucco vero e proprio.

Procedimento

Il professionista per garantire la massima corrispondenza tra la progettazione ed il trucco permanente finale procede con una pigmentazione con un colore più chiaro dell’area intorno alla progettazione utilizzando il dermografo a pressione moderata, col quale disegna una sottile linea sull’esatto perimetro della progettazione. A questo punto, il professionista può cancellare le linee provvisorie della progettazione e passare alla colorazione sul tracciato lasciato dalla linea zero. Prima di iniziare, il professionista deve preparare la cliente al trattamento passando sull’area una pomata anestetica per ridurre il dolore in modo che sia avvertita solo un sensazione di fastidio lasciata dall’ago del dermografo.

Realizzazione

Una volta resa iposensibile la zona da trattare, il professionista procede con la realizzazione del trucco permanente, a lavoro finito verrà applicata una pomata lenitiva post-trattamento con le indicazioni da seguire per una corretta guarigione della dermopigmentazione come l’uso di vaselina specifica da applicare se trattasi di lavori su labbra e sopracciglia o di un impacco a base di camomilla fredda se trattasi di contorno occhi. A distanza di 10 giorni dal trattamento, il lavoro apparirà più scuro di quanto stabilito inizialmente ma con la cadute delle pellicine e delle crosticine e terminata la guarigione, il colore sarà quello stabilito insieme al professionista durante la fase di progettazione.

A distanza di circa un mese dal trattamento, è possibile ripetere l’operazione per apportare eventuali modifiche di forma o colore. Importante: E’ bene ricordare che su tutte le zone trattate con dermopigmentazione e tatuaggio permanente non devono essere impiegati prodotti cosmetici e struccanti per circa una settimana, è VIETATO inoltre fare lampade, esporsi al sole, immergersi in piscina per 10 giorni. La durata del trucco permanente sulla pelle, labbra, occhi, ecc non può essere stabilita con certezza in quanto sono molteplici i fattori soggettivi e oggettivi che possono influenzare la durata temporale del lavoro. I fattori che possono decidere una maggiore o minore durata della dermopigmentazione sono: meccanismo interno dell’individuo di ripulirsi da sostanze estranee (potere di fagocitosi), età, potere di cicatrizzazione post-trattamento, conformazione anatomica della cute , tipo di pigmento utilizzato nel derma, tecnica manuale impiegata per la dermopigmentazione, tempi di esposizione al sole o a lampade abbronzanti e assunzione di farmaci tipo anticoagulanti e cortisonici.

Se è quindi vero che, la durata del trattamento dipende intrinsecamente dal verificarsi e/o dalla presenza o meno di fattori soggettivi e oggettivi dell’individuo stesso che si sottopone al tatuaggio permanente, possiamo comunque dare una stima indicativa di quanto il trucco permanente possa rimanere ad un livello ottimale sulla pelle. Tale periodo, può oscillare tra gli 8 ed i 12 mesi considerando che se si vuole arrivare al tempo massimo di 1 anno è necessario mettere in preventivo una seconda seduta di rinforzo del trucco che dovrà essere effettuata a circa 50 giorni successivi dalla prima seduta di trucco permanente. L’attenuarsi della colorazione del pigmento sottocutaneo, inoltre, non avviene improvvisamente ma gradualmente con il passare dei giorni e dei mesi, con la definitiva scomparsa dalla pelle entro 2 anni al massimo 5 anni e malgrado che il colore sia studiato per essere riassorbito completamente dall’organismo e dal derma è possibile che sulla zona trattata permanga un alone poco percettibile che scompare però completamente con il tempo.

Tatuaggi semipermanenti a Firenze

Tatuaggio labbra costi 2017 e durata

Il trucco permanente delle labbra è uno dei trattamenti più richiesti dalle donne sopra i 35 anni perché interviene a ridare giovinezza e freschezza ad una zona che con il passare del tempo può apparire spenta e priva di contorni netti. Su questa zona, il professionista effettua una pigmentazione molto naturale impiegando tecniche di colorazione che consentano la creazione di nuance sfumabili dalla rima labiale verso il centro della bocca, così come avviene solitamente con la matita da trucco. L’effetto finale è molto naturale, non artefatto e quasi impercettibile, tanto da non far vedere dove finisce il colore sotto pelle ed inizia la vera mucosa labiale. Sulla parte, inoltre, è possibile applicare anche effetti di luce, con pigmenti di colore beige, al di fuori della rima labiale creando un effetto di voluminosità. Trucco Permanente labbra durata: 11 trucco permanente delle labbra, oltre, ad essere un trattamento estetico finalizzato al ringiovanimento e all’aumento dell’effetto volumizzante del labbro è impiegato anche come tecnica di correzione di eventuali asimmetrie tra il labbro superiore e inferiore causate da una dentatura non regolare o da un labbro più sporgente o più semplicemente più piccolo. E’ possibile inoltre utilizzare la pigmentazione su soggetti che soffrendo di herpes labiale hanno esiti importanti come un contorno frastagliato o totalmente sbiadito.

Per il tatuaggio labiale è indispensabile considerare che per ottenere un risultato finale ottimale e duraturo ci si debba necessariamente sottoporre alla cosiddetta “seduta di rinforzo” da effettuarsi dopo circa 50 giorni dalla prima seduta. Questo perché, oltre che fornire la possibilità di apportare correzione al lavoro svolto, serve a rifinire ed omogeneizzare l’effetto di sfumatura verso il centro della bocca in quanto si vanno a trattare 3 tipi di tessuto differenti che sono il derma, la mucosa e la zona di transizione o vermiglione. Queste tre zone, essendo diverse, rispondono ovviamente in maniera in diversa al trattamento che vanno perfezionate con la seconda seduta di rinforzo, quando i tessuti sono completamente guariti. Molto spesso la seconda seduta serve anche per ripristinare i danni provocati dall’insorgere di un herpes post-trattamento, che induce la scomparsa del colore iniettato e causare una mancanza di linearità del contorno labbra tatuate.

Tatuaggio sopracciglia e occhi a cosa serve?

Il trucco permanente sopracciglia e occhi consente di ottenere ottimi risultati estetici in fatto di naturalezza e e di espressività dell’occhio, date dalla possibilità di praticare su questa zona tecniche tridimensionali capaci di ricreare le linee del pelo sopraccigliare verosimilmente a quelli naturali disegnando piccoli trattini, leggermente curvi ed in direzione dei propri peli. Questi trattini, vengono poi trattati con differenti colori con toni chiaro scuro, che consentono al trucco permanente di nascondersi tra i peli esistenti. Il tatuaggio alle sopracciglia o trucco permanente o semipermanente, oltre che ad essere utilizzato per ridare pienezza e compattezza a sopracciglie diradate a causa di alopecia, effetti post terapici anche per la correzione di esiti cicatriziali o di forti asimmetrie delle arcate sopraccigliari. Progressiva scomparsa del colore entro circa 2 anni dal trattamento.

Controindicazioni ed effetti collaterali

I possibili danni e rischi derivati dall’uso di colori nella pelle sono correlati alle allergie agli ossidi di ferro, a chi purtroppo soffre di malattie emocoagulative o cardiovascolari, a chi ha contratto l’epatite e chi ha problemi di cicatrizzazione come ad esempio la formazione di cheloidi. Inoltre per tutta la durata della gravidanza e l’allattamento del nascituro è consigliato non farsi tatuare per evitare che mamma e figlio siano più vulnerabili a varie infezioni e, visto che la pelle è più sensibile potrebbe andare incontro anche a fastidiose reazioni
allergiche.